Luxoro Alfredo

Genova 1859 – 1918

Figlio del pittore Tammar Luxoro, frequenta l’Accademia Ligustica di Genova seguendo i corsi del Granara. Prosegue, e approfondisce, poi, i suoi studi a Roma.
Il suo esordio nel 1879 alla Società Promotrice di Belle Arti a Genova.
Dal 1880 è presente alle Promotrici di Torino, Milano, Roma.
Nel 1893 è nominato Accademico di merito alla Ligustica sostituendo, poi, il padre Tammar nella direzione della stessa e della scuola di paesaggio. I suoi soggetti preferiti: paesaggi, marine, scene portuali e soggetti sacri.
Il Luxoro, assai abile nella tecnica, esegue opere che presentano una notevole affinità alla pittura dal vero, una marcata attenzione agli effetti luministici e all’ambiente. Studioso di archeologia e di storia dell’ arte, si occupa personalmente del riordino del Museo d’Arte

Orientale Chiossone.
Esegue, anche, numerosi affreschi: Chiesa di San Carlo, Genova; Parrocchiale di Rossiglione; Parrocchiale di Carcare.Fra i suoi dipinti più noti ricordiamo: ‘’A prua e a poppa” (esposto nel 1880 a Torino); ‘’Alla marina”‘ esposto a Roma nel 1883 e poi il dipinto “Spes” (che gli diede particolare notorietà).
Suoi dipinti presso la Galleria d’Arte Moderna di Genova Nervi, la Prefettura e la Camera di Commercio di Genova, la Galleria d’Arte Moderna di Milano, il ritratto del pittore Nicolò. Barabino nel palazzo della Delegazione Comunale di Genova Sampierdarena.
Fece parte della Scuola degli Spinaci, così chiamata per l’uso caratteristico del colore verde.