Figallo Armando

Genova 1892 – 1984

Nacque a Genova nel 1892, allievo di Tullio Salvatore Quinzio all’Accademia Ligustica,conobbe nel 1911 il pittore Eugenio Olivari (dietro presentazione di Angelo Balbi) e ne divenne allievo.
Risale al 1915 la sua prima partecipazione ad una importante mostra collettiva (Genova Società Promotrice di Belle Arti); suoi soggetti prediletti: paesaggio, ritratto, natura morta, animali.
Nell’interpretarli mostrò sempre un grande interesse per la natura ed una forte emozione nell’avvicinarsi in modo semplice e sincero alla realtà circostante, una realtà umile che in molti casi, si arricchisce di significati poetici.
Nel 1922 gli fu allestita una sala personale presso la Società Promotrice di Belle Arti, nel

padiglione di Piazza di Francia, dove furono presentate 36 opere tra le quali ricordiamo un Autoritratto, Il giorno di Natale, Pomeriggio d’estate, Lido di Venezia.
L’artista tenne numerose mostre personali a Genova, Savona, Roma: citiamo tra le più importanti quella organizzata presso la Galleria d’Arte De Pasquali, nel 1953; poi nel 1954 presso la Galleria Genova e la Galleria Sant’Andrea; nel 1955 espose alla Galleria Rotta.
Prese parte, con successo, a numerose mostre Biennali Torinesi; fu anche eletto accademico di merito presso l’Accademia Ligustica e membro dell’Accademia dei 500 a Roma.
Lavorò con grande passione ed assiduità per tutta la sua vita (tranne una breve interruzione tra gli anni trenta e quaranta) svolgendo, anche il delicato incarico di Sindaco di Sori. Ultima mostra personale presso la Galleria d’Arte De Pasquali di Genova, nel 1982.